A (dis)continuity in the European Governance

Antonio Tajani descends from the highest seat in the European Parliament. He shakes hands with compatriot David Sassoli, who takes his place. They smile. This snapshot closes the waltz of the leadership positions of the European Union of these days, or of those who more than others will influence the choices of the Union, and therefore our lives, from here for the next five years. Following the elections of the new European Parliament on May 26th, the face of the Union and its representatives have changed. The change, however, did not take on the dimensions that during the electoral campaign they feared. During the first months of 2019, in fact, an apocalypse was expected, a revolution in terms of numbers and values ​​within the decision-making spheres of Brussels [1]. The fact is that this epochal change has not been realised; there have been some adjustments in the control room, and some fluctuations in public opinion, but the European Union maintains its values ​​and its different souls that characterise it.

If some balances have changed, others have remained firm. But which balances do we talk about?

Continue reading “A (dis)continuity in the European Governance”

La (dis)continuità della Governance Europea

Bruxelles, 4 Luglio 2019. Antonio Tajani scende dallo scranno più alto del Parlamento Europeo. Stringe la mano al connazionale David Sassoli, che prende il suo posto. Sorridono. Questa istantanea chiude il valzer delle cariche di leadership dell’Unione Europea di questi giorni, ovvero di coloro che più di altri influenzeranno le scelte dell’Unione, e quindi le nostre vite, da qui ai prossimi cinque anni.

A seguito delle elezioni del nuovo Parlamento Europeo dello scorso 26 maggio, il volto dell’Unione e dei suoi rappresentanti si è modificato. Il cambiamento, tuttavia, non ha assunto le dimensioni che durante la campagna elettorale si paventavano, ma si è limitato ad un filo di trucco un po’ più pesante di prima. Durante i primi mesi del 2019, infatti, si prevedeva un’apocalisse, una rivoluzione in termini di numeri e di valori all’interno delle sfere decisionali di Bruxelles [1]. Fatto sta che tale cambiamento epocale non si è visto; ci sono stati alcuni aggiustamenti nella cabina di regia, ed alcune fluttuazioni nell’opinione pubblica, ma l’Unione Europea mantiene i suoi valori e le sue diverse anime che la caratterizzano.

Se alcuni equilibri sono cambiati, altri sono rimasti saldi. Ma di quali equilibri parliamo? Continue reading “La (dis)continuità della Governance Europea”